JPEG image-94665954BB8B-7

Islanda: Vogar e Yoga a Reykjavik

Islanda Estate 2018, Giorno 4: Yoga Reykjavik e tramonto a Vogar

Come sempre mi succede in viaggio, a un certo punto arriva il giorno del relax, quel giorno in cui proprio non hai voglia di camminare per ore ma solo di riposare (e goderti il tempo con il tuo fidanzato che non vedi da tre mesi, in questo specifico caso). 
Colazione, pisolino, pranzo, pisolino ancora.

Ok sto già diventando pazza, il relax forse non fa più per me?

Vabè, dopo aver inscenato un momento di drama senza capo né coda, decido che non appena lui andrà a fare allenamento prendo la macchina, vado a Reykjavík (una mezz’oretta da Vogar dove siamo) per una bella lezione di Ashtanga Yoga.

Trovo un centro online e la ragazza che risponde al mio messaggio di richiesta informazioni su Messenger è gentile e precisa.

Sono molto felice e infatti il centro si rivela esattamente come sperato: caldo, professionale, una bella vista, belle facce, una classe tosta, tradizionale e concentrata.

JPEG image-94665954BB8B-8JPEG image-94665954BB8B-6

 

Lo yoga ormai fa parte della mia vita di tutti i giorni e non riesco a farne a meno neanche quando sono in viaggio: questo aspetto di dipendenza mi preoccuperebbe in altre circostanze, ma ho il ricordo ben preciso di come mi sentivo prima di scoprire quanto è importante ricordarsi di respirare e non ho nessuna intenzione di dimenticarmelo di nuovo. 

Questo più di tutti è – e sarà ancora di più nel corso dell’estate con il Teacher Training, l’anno in cui ho deciso di dedicare a questa passione quante più energie, investimenti e tempo possibile, per collegarmi davvero con quello che sento e che voglio, e restituirlo al prossimo attraverso una vita fatta di felicità e condivisione.

 

IMG_5294

 

Rigenerata (ma soprattutto molto sudata), dopo una bella doccia al solito odore di acqua sulfurea (per via della terra vulcanica, qui l’acqua caldo di ogni tipo, dalla doccia al riscaldamento di case ed edifici pubblici, arriva direttamente dal calore della terra, e non devono quindi produrre calore per riscaldarsi <3), ceniamo in un ristorante indiano poco lontano per poi tornare e godersi il sole di mezzanotte fronte oceano.

 

JPEG image-94665954BB8B-4

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *