Islanda Scogliera Skardsvik beach

Islanda: Olafsvik e Grundarfjörður

Islanda Estate 2018, Giorno 5: gita in macchina a Olafsvik e Grundarfjörður

Ci dirigiamo a nord, nord ovest, alla volta di Oflasvik, un paesino di pescatori dove Toni ha vissuto e giocato anni fa.

La strada che da Reykjavik porta a Grundarfiordur (e poi prosegue fino a #Oflasvik) è finora la più bella di tutte quelle che ho percorso in questo paese: un mix tra Alla ricerca della valle incantata e un documentario di @natgeo.

road to olafsvik

Tra le colline verdeggianti, le montagne zeppe di cascate, la strada senza barriere (non c’è neanche l’ombra di un guard rail) e l’oceano appoggiato lì accanto, ci si può perdere nei pensieri fino a non ricordarsi più dove ci si trova.

La Kirkjufell Mountain

La prima tappa è per forza la montagna pizzuta, la Kirkjufell Mountain, il cui nome (ovviamente) non ci dice niente ma la fama della foto è arrivata ben oltre oceano: tra schiere (ok, qui per schiere si intendono gruppetti da 5/6 persone) di cinesi resto molto sorpresa – per l’ennesima volta – di trovare italiani, tanti italiani! Abbiamo forse deciso di evolverci come razza, mettendo tra le mete delle nostre vacanze anche luoghi sprovvisti di creme abbronzanti e negozi di souvenir?

Islanda Kirkjufell

La spiaggia nera a Skardsvik Beach

Da qui scendiamo verso una spiaggia dalla sabbia nera (coperta da un velo di sabbia chiara che la fa sembrare giallina). Da questa spiaggia stile Great Ocean Road australiana (Skardsvik Beach), si vede un faro arancione il cui nome ci è ancora del tutto sconosciuto: la vista della scogliera a strapiombo sull’oceano ti toglie il fiato. Da restare sdraiati sul prato a guardare il mare tutto il giorno.

Islanda Scogliera Skardsvik beach islanda ritratto Skardsvik beach Islanda Skardsvik beach

Processed with VSCO with b5 preset

Torniamo a Reykjavik in tempo per la partita dell’Islanda ai mondiali: è forse l’evento sportivo più importante di sempre essendo la loro prima qualificazione. Mentre penso che la sensazione di insofferenza per le mancate finalizzazioni sia così simile a guardare l’Italia di recente, qualcuno urla dietro di me un ottimo “Sei una sega!!”, che riassume quello che probabilmente in molti stavano pensando tutti al decimo tiro in porta consecutivo finito in tribuna.

Pubblicato da Francesca Lavinia De Bonis su Mercoledì 27 giugno 2018

L’American Bar, la Guinness e le chiacchiere con il compagno di squadra di Toni Brynjar, concludono questa lunga, meravigliosa, giornata. 

life id
american bar in reykjavik iceland

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *